#SerieB: Lowengrube Taranto – Azzurra Cercola 78-54

#ProgettoSorrisoAzzurro

Cercola ancora sconfitta

Si allunga la striscia di sconfitte, giunta ora a quota 4, per la compagine cercolese.
Eppure, nonostante tutto, il bicchiere continua ad essere mezzo pieno, piuttosto che mezzo vuoto.
Anche se continua l' alternanza di rendimento delle singole individualità, all' interno della stessa partita, è evidente che quella di Taranto è stata una partita migliore rispetto alle ultime 3 disputate.
L' inizio è del tutto confortante e se è vero che sono i punti (12 nella prima frazione), di una sontuosa Edokpaigbe a sostenere l' attacco ospite, è pur vero, che è tutto il quintetto Azzurro ad offrire una prestazione di rilievo, rintuzzando, colpo su colpo, gli attacchi rossoblù. Al 6' si è sul 10-10 e l' inerzia della gara non ha ancora deciso quale direzione prendere. L' equilibrio viene spezzato allorquando, una propositiva Pragliola, commette un ingenuo fallo in attacco ed è costretta al cambio.
Le subentra Bocchetti, classe 2006, la più giovane atleta dell' intero torneo, che a freddo non riesce a prendere subito le misure, all' esordiente Di Gregorio, reduce dall' ottima stagione, disputata con la maglia della Magnolia Campobasso, che dall' alto della sua esperienza, la punisce immediatamente, infilando 8 pti consecutivi, dando così il via al break di 15-0, che scaverà il primo consistente solco della partita (10': 27-12).
Come sempre accade, in questo periodo, le giovani atlete vesuviane, subiscono il contraccolpo ed abbassano concentrazione e difese, ben oltre la misura consentita.
Il contropiede jonico mette a nudo tutte le fragilità avversarie e infligge un ulteriore, pesante, break, alle avversarie portando oltre il trentello, il distacco da colmare (20': 50-17).
Col risultato già sotto ghiaccio, le ragazze dell' Ad Majora, forse si rilassano un pò, forse, come a noi piace pensare, è il ritmo impresso dalle Azzurre a costringerle alla difensiva, fatto sta che l' inerzia ritorna in equilibrio e Cercola ricomincia a giocare alla pari contro le più esperte avversarie, scardinando con continuità la zona rossoblù, ritrovando canestri dalla distanza e quella sostanza difensiva su tutti i 28 m, che genera transizioni offensive ben sfruttate da Pragliola & co.
Sugli scudi ci finisce, questa volta in positivo, Benedetta Bocchetti, che riproposta in campo, si riscatta alla grande, costringendo, negli ultimi 20', con grande applicazione difensiva, alla doppia virgola, la Di Gregorio, l' atleta più titolata in campo e va ella, di contro, in doppia cifra realizzativa (11 p.ti). Per lei anche 6 rimbalzi e 2 palle recuperate, per un +9 di valutazione, che considerata la giovanissima età ('06), vale quanto una polizza assicurativa sul futuro.
Uguale spartito anche negli ultimi 10' di gara: Taranto arroccata nella sua difesa a zona, pronta a ripartire in contropiede o a sfruttare i mismatch, che inevitabilmente si generano, Cercola allungata a tutto campo, alla ricerca del modo per ridurre le distanze.
Il punteggio viaggia un pò ad elastico, ma sostanzialmente non cambia. Si riduce solo nel finale, quando coach Palagiano dà spazio alla sua panchina, in pratica pari-età delle Sorrisine, che subiscono, loro malgrado, l' aggressività ospite, concedendo il minibreak di 8-0, che fissa il punteggio sul definitivo 78 - 54

#BECERCOLA

Ad Maiora Taranto 78:
Armenti 5, Caliandro 2, Di Gregorio 13, Caminiti, Berardi 10, Gatti 10, Lacitignola 13, Ciminelli 11, Gismondi 14, Donzelli, De Mitri, Vitali.
All. Palagiano

Azzurra Cercola 54:
Pragliola 15, Edokpaigbe 14, Giustino, Pepe, Di Sarno 5, D' Ambrosio 7, Raia, Manfellotto 2, Briandi, Bocchetti 11, Libino n.e.
All: Cavaliere-Costa



Posted in Senza categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *